Paul Binns Type XIV

Hi Guys, Scroll down for the pizza-pasta-english translation.

La mia Paul Binns è il secondo simulacro d’arma che acquisto avente la foggia di una Type XIV. Il primo è stato una Regenyei, che consiglio caldamente a chi volesse un simulacro di buona qualità ad un costo più accessibile. Ciò nonostante la Type XIV Paul Binns surclassa la sua sorellina meno costosa sotto ogni aspetto qualitativo, rispecchiandone il prezzo maggiore.

unnamed

Il primo punto a favore è una maggiore accuratezza, le spade di Paul Binns sono lavorate in modo artigianale, spesso i simulacri sono fresati da una lastra di metallo, questa invece è una vera e propria “Blunted Sword” nel vero senso della parola. Per chi, come me, comincia a costruirsi un’esperienza nel maneggio della spada, passare da un simulacro “standard” ad una Binns è un passaggio qualitativo notevole. La meccanica dell’arma e la distribuzione del peso nella sua lunghezza sono più verosimili. Un possibile raffronto l’ho avuto al Berlin Buckler Bouts, dove a distanza di un anno ho avuto modo di impugnare una Albion Sheriff (arma totalmente realistica), paragonandola ad un simulacro e poi all’altro. Il risultato è stato una sensazione di “stranezza” passando dalla mia Regenyei alla Albion, e di vaga familiarità passando dalla Binns alla Albion. Questo è dato principalmente dalla distribuzione del peso, come accennato sopra, che rende la Binns realistica nell’armeggio.

Punti perno: Il pivot point alla base del pomo si riflette circa ad 1/3 della lama, un Oberhau meccanicamente corretto scivola a compimento con il minimo sforzo. Il punto perno alla base della croce si riflette esattamente a 2/3 della lama. Questo è il “punto del winden” attorno a cui l’arma tende a ruotare quando riorientiamo la punta con un movimento vagamente circolare di fronte a noi. Assecondarla è un vantaggio anche all’interno del legamento.

Resistenza: Senza dubbio il simulacro più resistente che abbia mai visto. La superficie forgiata del “filo” è perfetta dopo sette mesi di sparring a velocità variabili. L’impugnatura è costruita in modo da evitare che la croce si stacchi, mettendosi a ballare e creando gioco sempre maggiore, cosa che è avvenuta in molte delle spade che ho avuto modo di acquistare. Il codolo è molto largo e resistente, visibile sul fondo del pomo, si allarga seguendo il profilo dell’impugnatura.

Impugnatura: Paul Binns produce il tipo di impugnatura che vedete in foto come standard. Nonostante possiate chiedergli variabili ora che ne conoscete la foggia, io non lo sapevo quindi ho dovuto modificarne la parte adiacente alla croce, per diminuirne la larghezza, in modo che si adattasse alla mia mano.

10712831_10205039880905532_5170934646816523288_n

Peso: Il peso è attorno ai 1100 grammi, ciò nonostante se usata correttamente risulta spesso priva di peso.
Bilanciamento: a 10 cm circa, affidatevi all’esperienza di Paul riguardo a questo punto, che è il risultato di molti fattori in una spada.
Lunghezza complessiva: 86 cm
Lunghezza dell’impugnatura: 9,7 cm questa è la misura corretta per la mia mano.
Tempo di attesa: Totalmente variabile, dai 2 ai 10 mesi.
Costo in Euro: 470 Euro circa (dipende dal valore della sterlina) + spedizioni.

Consiglio quest’arma sotto ogni punto di vista, ottimo investimento, duraturo, realistico e di semplice ma molto gradevole aspetto.

Federico

My Paul Binns is the second blunt weapon I purchase having the shape of a Type XIV. The first was a Regeyei, that I strongly recommend to those who want a simulacrum of good quality at a more affordable cost. Nevertheless, the Type XIV Paul Binns outclasses his little, cheaper sister in every aspect of quality, mirroring the higher price.

The first good point is the greater accuracy, swords by Paul Binns are worked in a traditional way, often the blunts are milled from a metal plate, however this is a real “Blunted Sword” in the true sense of the word. For those, like me, who begins to build experience in handling swords, go from a “standard” blunt to a Binns is a significant qualitative step. The mechanics of the weapon and the weight distribution in its length are more realistic. One comparison I had the chance of was to Berlin Buckler Bouts, where after one year I had the opportunity to handle an Albion Sheriff (totally realistic weapon), comparing it to a blunt and then to another. The result was a feeling of “strangeness” passing by my Regenyei to Albion, and vague familiarity passing by Binns to Albion. This is mainly given by the distribution of the weight, as mentioned above, which makes the Binns realistic in the handling.

Pivot points: The pivot point at the base of the pommel is reflected approximately at 1/3 of the blade, a Oberhau mechanically correct slips to completion with minimal effort. The pivot point at the base of the cross is reflected exactly at 2/3 of the blade. This is the “point of winden” around which the weapon tends to rotate when the tip is reoriented with a vaguely circular movement in front of us. Make use it is also an advantage within the bind.

Resistance: No doubt the strongest blunt I’ve ever seen. The surface of the forged edge is perfect after seven months of sparring at variable speeds. The handle is constructed to prevent the cross comes off, beginning to move and creating more and more problems, which took place in many of the swords that I bought. The tang is very broad and strong, visible on the bottom of the pommel, it expand following the profile of the handle.

Handle: Paul Binns produces the kind of grip that you see in the first picture of the post as standard. Although you can ask variables now that you know the style, I did not know so I had to change the part adjacent to the cross, to decrease the width, so that it would fit to my hand. (see second photo)

10580179_10205039856104912_650621685223655295_n

Weight: The weight is around 1100 grams, nevertheless if used correctly it often seems withot any weight.
Balance: 10 cm from the cross, rely on the experience of Paul on this point, because is the result of many factors in a sword.
Overall length: 86 cm
Length of the handle: 9.7 cm this is the correct size for my hand.
Waiting time: Totally variable, from 2 to 10 months.
Cost in Euro: 470 Euros (depends on the value of the pound) + shipping.

I recommend this weapon on every point of view, very good investment, durable, realistic and with a simple but very pleasing appearance.

Federico.

Advertisements
This entry was posted in I.33, Swords Reviews and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s