Regenyei type XVa – Our new training longsword.

-Scroll down for the english translation.-

The (most probably/similar) Fiore sword

http://www.myarmoury.com/feature_spotxv.html – Type XV – XVa su Myarmoury

Circa un anno fa ho cominciato a rendermi conto delle carenze che la mia classe di spada lunga aveva nei confronti di quella di spada e boccoliere, il problema  non era riconducibile a carenza di impegno o ad una conduzione errata degli esercizi, bensì nello strumento. Da due anni a questa parte ormai, la classe di spada e brocchiero ha armi da allenamento superiori, con alte qualità tecniche correlate alle necessità del sistema studiato. Contrariamente a queste, le Federschwert usate dalla classe di Spada a due mani non rispondevano affatto alle necessità, troppo inerti agli impulsi ricevuti, flessibili in punta,con un filo enorme dal medio al forte che tocca i 7 mm alla base. Queste erano inoltre troppo, troppo lunghe.

11802012_10206040911494068_1300933250_n

La scelta del nuovo strumento è ricaduto su una modifica della Regenyei “Liechtenauer” prodotta dall’omonimo Fabbro. Le modifiche apportate sono state minime. Ricciolo in punta, impugnatura e guardia leggermente semplificate per ridurre il costo.
Il risultato sono stati tre bellissimi prototipi a cui seguiranno altri acquisti. Analizziamo l’arma:

11798484_10206040913174110_18465961_n

Lunghezza complessiva: 117,5 – 118 cm
Peso: 1450 grammi circa
Lunghezza complessiva impugnatura + Pomolo: 25 cm
Lama: 92 cm
PoB: 10 cm dalla croce
Nodo del pomolo: Si riflette poco oltre il 1° terzo della lama (36 – 37 cm circa).
Filo: 1,5 – 2 mm
Flessibilità: Molto bassa.
Costo: Attualmente 310 Euro al pezzo.

Comincio con il dire che 310 Euro al pezzo sono un prezzo molto onesto, in quanto l’oggetto in sé ha un livello qualitativo che rispecchia tranquillamente la spesa. L’arma ruota egregiamente attorno ai suoi perni di rotazione e necessita alcune ore per essere “capita” se si arriva da un ferro molto più inerte. Mettere troppa forza nei tagli, a volte, gioca contro il lavoro che la spada “vorrebbe fare”, al contrario se l’arma è lanciata nella sua rotazione con un impulso, raggiunge notevoli picchi di velocità con poco sforzo.

Flessibilità: Bassissima, non era nel mio interesse avere un’arma flessibile, tutt’altro. Sul legamento l’arma non flette e permette di tagliare all’interno del legamento e di sentire (fhulen) le pressioni senza spiacevoli inconvenienti. Il legamento è scivoloso come per ogni arma blunt, comunque notevolmente inferiore che nelle Feder.

La lunghezza dell’arma è conforme alle proporzioni dei reperti, probabilmente considerata “corta” da molti praticanti, è da dirsi che un’arma mantiene le sue caratteristiche tecniche anche con l’aumentare dell’altezza da parte del praticante. L’adattamento dell’arma alla persona dovrebbe essere minimo, parlando di variazioni di 6 o 7 (in questo caso specifico) cm al massimo, in negativo o in positivo, immaginatevi una persona alta 1 m e 90 cm e una alta 160 cm, la lunghezza delle loro braccia non varierà di sicuro di 30cm, Bensì di 10 – 11 cm, lo stesso ragionamento va fatto nei confronti dell’arma, che deve essere considerata come un prolungamento della mano, un “secondo avambraccio” che si snoda dal nostro polso. Questo discorso vale rimanendo all’interno della medesima categoria di strumenti, che condividono caratteristiche fisiche e scelte tattiche.

Impugnatura:

11815819_10206040912774100_1859525786_n

11778020_10206040912814101_19099564_n

Come potete vedere, dalle foto, lo spessore che dista 10 cm dalla croce supporta il mignolo della mano principale, la seconda parte dell’impugnatura e la forma del pomolo accolgono invece comodamente la mano secondaria, supportando l’arma nei tagli e nei legamenti. L’impugnatura di un’arma è una parte fondamentale, più essa sarà comoda e con accorgimenti anatomici (storicamente utilizzati) più l’utilizzo sarà comodo e intuitivo.

La qualità dell’acciaio è buona e il filo regge bene ad impatti discretamente forti. La punta a ricciolo permette di evitare spiacevoli inconvenienti derivanti dalla rigidità dell’arma.

La lunghezza dell’arma permette un altissimo controllo della punta, che di colpo diventa un insidioso pericolo da tenere a bada, molto di più che con una Feder di soli 8 cm più lunga.

Consiglio questa arma a chiunque studi Fiore e la tradizione di Liechtenauer nel suo primo periodo (MS 3227a – Ms Dresden C487) che trovo ottima sotto molti aspetti, sottolineo che le caratteristiche dell’arma la rendono pericolosa se non utilizzata con criterio.

English:

About a year ago I began to realize the shortcomings that my longsword  class had compared to the sword and buckler one, the problem was not due to lack of commitment or a wrong conduction of the exercises, but the instruments. For two years since now, the class of the sword andbuckler used good training weapons, with high technical qualities related to the needs of the system studied. Contrary to this, the Federschwert used by the class of two-handed sword did not meet all the needs, too inert to the impulses received, too flexible on the tip, with a huge edge from medium to strong touching  7 mm at the base. These were also far, far too long.

11797974_10206040914134134_138370026_n

The choice of the new instrument has fallen on a Regenyei “Liechtenauer” slightly modified produced by the homonymous Smith. The changes were minimal. Rounded tip, handle and guard slightly simplified to reduce the cost.
The result had been three beautiful prototypes that will be followed by other purchases. We analyze now the weapon:

Overall length: 117.5 to 118 cm
Weight: 1450 grams
Overall length handle + pommel: 25 cm
Blade: 92 cm
POB: 10 cm from the cross
Node of the pommel: It reflects little more than 1 third of the blade (36-37 cm).
Edge: 1.5 to 2 mm
Flexibility: Very low.
Cost: Currently 310 euros a piece.

I begin by saying that 310 Euros per piece is a very fair price, because the object itself has a level of quality that reflects quietly the expense. The weapon rotate very well around his nodes of rotation and need a few hours to be “understood” if you come from a piece of steel much more inert. Putting too much power into the cuts sometimes go against the work that the sword “would like to do”, on the contrary if the weapon is launched in its rotation with an impulse, it reaches remarkable peaks of speed with little effort.

Flexibility: Very low, it was not in my interest to have flexible weapons, anything. In the bind the weapon does not bend and can cut inside the bind and feeling (fhulen) pressures without disappointment. The ligament is slippery as with any blunt weapon, still significantly lower than in a Feder.

The length of the weapon conforms to the proportions of the finds, probably considered “short” by many practitioners, it is to say that weapons retains its technical characteristics with increasing height by the practitioner. The adaptation of the weapon to the person should be minimal, speaking of variations of 6 or 7 (in this specific case) cm at the most, in negative or positive, imagine a person high 1 m and 90 cm and a 160 cm high, the length of their arms will not vary for sure 30cm, Rather of 10 – 11 cm, the same reasoning should be done in respect of the weapon, which must be regarded as an extension of the hand, a “second forearm” that stretches from our wrist . This is true of staying within the same category of tools that share physical characteristics and tactical choices.

11815906_10206040913574120_1055309950_n

Handle (go on the italian translation part fo both sides photos)

As you can see from the photos, the thickness 10 cm from the cross supports the little finger of the master-hand, the second part of the handle and the shape of the pommel instead comfortably accommodate the off hand, supporting the weapon cuts and ligaments. The handle of a weapon is a fundamental part, must be designed with great study of findings and of our anatomy.

The steel quality is good and the edge holds up well to fairly strong impacts. The point rounded can avoid problems arising from the stiffness of the weapon.

The length of the weapon allows a high control of the tip, which suddenly becomes an insidious danger to keep at bay, much more than with a Feder only 8-9 cm longer.

I advise this weapon to anyone who studies Fiore and Early Liechtenauer tradition (MS 3227th – Ms Dresden C487) that I find very good in many respects, I emphasize that the characteristics of the weapon make it dangerous if not used wisely.

11798018_10206040914254137_125107890_n

Federico Malagutti

Advertisements
This entry was posted in Swords Reviews and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s